in viaggio…

Pale eoliche come queste, sono sparse numerose lungo l'autostrada che ci sta portando a Osnabruck! Il tempo è bizzarro, a momenti c'è il sole e a momenti la pioggia, mentre le nuvole mostrano tutta la loro capacità creativa mutando continuamente di forma e colore…

Tanto verde e spazi aperti, gruppi di case raccolte nelle zone più esposte al sole, tetti a punta triangolari come quelli che disegnano i bambini… ^

 

PRATICAMENTE ARRIVATI!

Disco nuovo!

Peter Finger e sua moglie Odille ci hanno accolti e condotti nella casa-studio in cui da domani registreremo il nostro nuovo disco! Tipica casa tedesca a tre piani accogliente e luminosissima! Non ci manca nulla: lo studio è al secondo piano mentre al terzo piano ci sono le camere, il salotto, il bagno e la cucina… Abbiamo già sistemato tutte le nostre cose, Andrea ha già abbracciato la sua chitarra ed è già dentro alla musica! Io cerco di ambientarmi, di respirare riordinando le idee … e quando andrea si distrae un attimo ZAC gli frego il posto! 😉 Domani si inizia… Evviva!


rispondo a Chezia (riguardo il commento sul post “tingere i capelli in salute”)

 

Sono anni che cercano di diffondere notizie allarmanti sull'hennè, naturalmente non è conveniente per le industrie cosmetiche avere un rivale simile a piede libero, la gente potrebbe decidere di farsi del bene e non tingersi più con i loro prodottini chimici ben pubblicizzati! La verità è che sull'hennè non c'è nulla di male da dire, se non che hanno scoperto che esistono in commercio degli hennè miscelati con sostanze cancerogene come il benzene (che fra le altre cose è presente pure nelle tinture chimiche comuni!), in alcune parti del mondo non vige il controllo delle quantità delle sostanze presenti in un prodotto quindi in effetti si può rischiare di acquistare un prodotto cattivo. Ecco perchè bisogna sempre guardare gli ingredienti e comprare solo prodotti certificati e controllati, purtroppo l'hennè che si trova nelle bancherelle tipiche (magari in india) non sono sicuri!

Ecco qui alcune notizie tratte da articoli che ho letto io, ma girando un po' su internet si trova molto altro:

"…l'hennè è un pigmento ricavato dall'arbusto omonimo che cresce nella penisola arabica e che in passato veniva usato tal quale. Ora però, in commercio si trova una vasta scelta di tinture analoghe ricavate anche da sostanze chimiche, alcune delle quali derivate del petrolio e già note per essere cancerogene." http://arteesalute.blogosfere.it/2010/05/henne-a-rischio-leucemia.html

“Il benzene è sempre stato conosciuto come una sostanza cancerogena” spiega Sherif Islam, uno degli autori dello studio. “Può essere usato come solvente e, quando viene impiegato nelle tinture industriali è vincolato a rigidissime norme”

Viva la frutta e la verdura!!!!

Tratto dal dottor Valdo Vaccaro http://www.valdovaccaro.blogspot.com/

La gente respira male, evacua male, mangia male e fa poco movimento, il che porta a scarsa attività aerobica ed a rallentare i transiti intestinali. I nemici acerrimi dell’intestino sono l’immobilità, l’alimentazione putrefattiva a base di carne-latte-uova-pesce, l’alimentazione devitalizzata, a base di cibi lavorati e cotti, il pane bianco, la farina raffinata 00, il riso bianco, la pasta bianca, i dolciumi, lo zucchero, i gelati, il the, il caffè, la cioccolata.

Gli amici sono la frutta fresca e la frutta secca, tutte le verdure crude, il pane integrale, il miele, il  tarassaco, la mela,  papaia ed ananas; i  frutti sono alimentatori e sono scope intestinali. La cosa che più fa male ai costipati sono i purganti ed i clisteri, le bevande complicano la situazione  e accelerano il transito dei cibi verso l’uscita, impedendo loro di rilasciare nei villi intestinali i loro valori nutritivi.

Pizza vegetale base

Questa pizza è leggera e buona, semplice e delicata…facilissima da fare!

I ngredienti per preparare la pasta per 2 pizze:

200 g. farina di farro

200 g. farina di grano duro

100 g. farina integrale di segale

10 g. di lievito secco naturare attivo (in granuli)

4 cucchiai di olio extravergine di oliva

2 cucchiai di olio di riso

sale

acqua quanto basta

 

P reparazione:

Sciogli il lievito in mezzo bicchiere d' acqua tiepida (30° circa) e lascialo riposare per una decina di minuti. Nel frattempo prepara le farine, aggiungi il sale e disponi il tutto sul tuo piano di lavoro (possibilimente di marmo) dando vita a una specie di vulcano. Versa al centro del vulcano il lievito e l' olio e inizia ad impastare. Aggiungi piano l'acqua (io la metto appena tiepida) e continua ad impastare bene per circa un quarto d'ora, fino ad ottenere una bella pallotta liscia!

 

Bene adesso per far lievitare la tua pallotta ti consiglio di fare un "castello a cupola" cioè: prendi una terrina, mettici dentro dell'acqua bollente, riponi la pallotta avvolta da un panno pulito su un' altra terrina che metterai sopra a quella con l' acqua calda, così:


Ora deve lievitare per almeno un paio di ore al caldo. Fatto?

E' giunto il momento di lavorare l'impasto per la seconda volta, (non dimenticare che bisogna dividerlo in due per ottenere appunto due pizze!) stendi la pasta, aiutandoti con un mattarello, in una teglia (già riverstita di carta da forno)… con una forchetta fai dei buchini sulla superficie della pasta, spalma la salsa di pomodoro, guarniscila con capperi, del gommasio (sale, semi si sesamo, spezie varie), del timo fresco, origano e infine la panna di soia (la migliore è: Soya cuisine della Provamel). Ripiega con le dita la circonferenza della pizza (per ottenere la crosta).

Via dentro al forno a 200 gradi per circa 30 minuti!!!!


se vuoi negli ultimi 10 minuti di cottura puoi riaggiungere della panna di soia…

ecco fatto!!!!:P

Tingere i capelli in salute

Premessa_

La natura ci da tutto quello di cui abbiamo bisogno, senza trascurare la salute e la bellezza!

Io ho i capelli molto fini,  per anni ho usato i prodotti pubblicizzati di marca e non, con l'intento di migliorarne l'aspetto: fiale, creme, impacchi, maschere… La cosa peggiore che sono riuscita a far loro è stata la permanente per più volte di seguito…capelli belli, per qualche mese! Poi, essendo molto fini, un disastro per assai più di qualche mese.

E' risaputo che quando i capelli non ci soddisfano, cerchiamo di modificarli nella forma, o nel colore, trascurando l'ipotesi di dar loro solo delle cure naturali, semplici, che richiedono come prezzo aggiuntivo:  del tempo. In passato ho spesso usato tinte chimiche più o meno aggressive e ho imparato una cosa: le parrucchiere brave fanno bene il loro lavoro, ma purtroppo questo non significa matematicamente che facciano anche la salute del tuo capello! Loro ti dicono che è tutto naturale e che, addirittura, le nuove tinte fortificano la chioma… La verità è che per necessità di tempo e di denaro, devono usare dei prodotti che contengono sostanze non proprio naturali, per tingere i capelli…

 TINTURE  NATURALI, grazie a loro (e al mio ciciotto) oggi i miei capelli sono più Belli e Sani.

Come tingere i capelli in salute _

â–º TINGERE DI ROSSO

Situazione di partenza:

COLORE BASE: castano (tipo il colore della castagna…)

TAGLIO CAPELLI: pari, senza frangetta.

LUNGHEZZA CAPELLI: poco sotto le spalle.

Colore da ottenere: castano scuro con riflessi rossi! 🙂

Ingredienti:

  • 150 g. di lawsonia inermis (nota anche come henné)
  • Circa 1/2 litro di thè ai frutti di bosco (caldo, non bollente)
  • 3 cucchiai di aceto di mela
  • 2 o 3 gocce di olio essenziale di lavanda o di rosmarino o di timo (fondamentalmente per mitigare il particolare odore della lawsonia inermis)

Preparazione:

  • Mettere in un contenitore (possibilmente di vetro) la polvere di lawsonia e piano integrare il thè mescolando (con un mestolo di legno) in modo che non si formino grumetti di polvere. L'impasto deve diventare una crema densa, alla quale aggiunterete gli altri ingredienti mescolando bene il tutto.
  • Coprire il contenitore con della pellicola trasparente e lasciare ossidare la tinta per almeno 6 ore (io la preparo la sera per usarla al mattino)

Modalità d'uso e consigli:

  • Farsi aiutare da qualcuno è la cosa migliore se si tratta di capelli medio-lunghi.
  • Lavarsi i capelli senza usare balsamo oppure oli…
  • Pettinarli
  • Mettere una crema nutriente (il karitè è perfetto) su tutto il perimetro della chioma (fronte, orecchie, nuca) serve ad evitare di tingere dove non serve, e indossare una  mantella di cellofan per non sporcare i vestiti
  • Usare i guanti di gomma per non sporcare le mani!
  • Applicare la crema dalla radice del capello fino alla punta partendo per comodità dalla nuca e salendo poi fino alla fronte, si applica come una comune tintura per capelli
  • Coprire la chioma con una pellicola trasparente avendo cura di mettere una striscia di cotone su tutto il perimetro della testa in modo che il colore non coli sporcando il collo e i vestiti.
  • Un paio di minuti di phon
  • Lasciare in posa per almeno 2 ore
  • Lavare con shampoo delicato e usare, se si vuole, anche il balsamo preferito

I capelli sono da subito lucidissimi e corposi! Il colore potrà risultare di sfumature diverse a seconda del tipo di henné che si acquista e dalla freschezza del prodotto…Ogni capello poi reagisce in maniera diversa, bisogna provare, provare, provare… provare.


ATTENZIONE: quando acquistate l'henné, controllate bene l'INCI, deve esserci scritto solo: lawsonia inermis. Se volete consultare altri siti sull'argomento ecco qui un link utile: www.capellidifata.it