da Osnabruck è tutto…ora siamo a Merano

Guys ora siamo a Merano eh! In Italy! Domani abbiamo un concerto da fare in un bel posto, praticamente alle Terme, dove passeremo una giornata intera (fa parte del cachet). Merano è bellissima e il posto dove alloggiamo è assai carino, nel verde con un sacco di begli angolini dove sedersi e sognare o suonare… dopo le fatiche in studio ci voleva proprio un po' di vacanza!

See you soon guys 🙂

settimo e ultimo giorno a Osnabruck

Ci sono tanti incredibili musicisti nel mondo, molti sono sconosciuti ai più e spesso sono proprio quelli i veri artisti, creature capaci di trasmettere senza effetti speciali pura bellezza, incontaminate emozioni… forse perchè fanno ciò che sentono, senza seguire la moda, o senza ostinarsi ad inseguire la perfezione tecnica fine a sé stessa,  come dice Sandor, fare musica non deve essere un esercizio ginnico! Eseguire è diverso dal suonare…

Le radici, la propria identità, secondo lui sono elementi imprescindibili per un vero artista. Perchè esca Musica è necessario attingere dal profondo…

"I'm not interested in playing the guitar,  I want to play music!" (Sandor)

Domani ripartiamo con tappa a Norimberga!

sesto giorno a Osnabruck

Questa mattina Sandor è partito… I'm sad 🙁 La sua presenza in questi giorni è stata fondamentale, ma sono sollevata dal fatto che ci rivedremo presto e che farò sicuramente maturare i consigli e gli insegnamenti che ha voluto darmi.

Oggi giornata di riposo, abbiamo fatto un giretto in centro e abbiamo scoperto che c'è proprio la festa della musica africana qui a Osnabruck: bancarelle di tutti i tipi hanno preso dimora lungo le vie principali, percussionisti vari riempiono di ritmo l'aria e la gente respira…Pensa tu, mi son detta, dovevo venire in Germania per sentirmi quasi in africa :). Abbiamo avuto anche la fortuna di poter osservare bene da un ragazzo africano, come si suona uno strumento a percussione che Peter mi ha regalato, sapendo che lo stavo cercando da mesi senza trovarlo da nessuna parte! Insomma bel pomeriggio tranquillo e al sole, ci voleva! Anche oggi ho notato che qui vivono molte coppie miste: tedeschi bianchissimi con africane scurissime e viceversa… e i loro figli? Dei veri capolavori, bellissimi!!!

Domani riunione con Peter.

quinto giorno di registrazione

Bene. Molto bene.

Durante la mattinata Andrea ha registrato il suo pezzo e i due soli, poi nel pomeriggio: sessione foto da Manfred nel suo bellissimo giardino. Una persona estremamente gentile, elegante e pieno di passione per il suo lavoro. Fin'ora posso dire che tutte le persone che gravitano attorno a Peter hanno in comune una cosa: la passione.

E' stato divertente per me vedere Andrea super imbarazzato mentre il fotografo lo dirigeva (abilmente) cercando di fargli assumere delle non pose… Non eravamo preparati a ben due ore e mezza di scatti 🙁  inoltre in valigia non ci siamo portati molte cose da vestire! Non ci resta che sperare che nel gran mucchio di foto fatte, almeno un paio siano venute bene! Manfred sembrava contento, beh, lo sarò pure io quando avrò appurato che non si vedono: pancia, braccia stile cotechino e difetti vari 🙂

Cosa molto più importate, abbiamo consegnato il lavoro fatto dalla nostra amica Paola per la realizzazione della copertina, discusso sui materiali, i colori…tutto procede nel migliore dei modi!

Nel tardo pomeriggio ho completato gli overdubs e TA TA TA TAN… ecco che, durante l'ultimo ascolto dei brani finiti, colgo tutti di sorpresa (pure me stessa) decidendo di rifare interamente un pezzo! Ho avuto un'ottima intuizione perchè è venuto decisamente meglio.

Abbiamo cenato, suonato, improvvisato… giornata lunga e intensa. Domani Sandor se ne va, ha finito il suo lavoro con noi, ma ci rincontreremo presto!

quarto giorno di registrazione

Questa sera, dopo aver lavorato in studio come da programma, Io, Andrea e Sandor siamo stati invitati da Peter nel suo teatro a sentire il concerto di un gruppo africano

E' stata una serata memorabile!!!! Sono riuscita a salire su una sedia e ho potuto vedere oltre che sentire il concerto, senza essere schiacciata o soffocata dalla folla!!!! Mi sono divertita veramente molto, è stato curioso vedere con quale compostezza i tedeschi hanno saputo partecipare all'evento (es: battevano le mani in battere anzichè in levare, naturalmente senza muoversi troppo) , sud e nord insieme uniti dalla musica, dal ritmo, c'erano diverse coppie miste presenti in sala,  grande performance!

Oggi ci siamo divertiti a suonare le percussioni in uno dei brani del disco, poi nel pomeriggio Andrea e Sandor hanno lavorato per me: ho registrato quasi tutti i miei overdubs, domani faccio quelli riguardanti  "quanto ancora" e poi io ho finito tutto :), Andrea deve registrare il suo pezzo (strumentale) e due soli….insomma siamo giunti al termine del lavoro! Non è stato per nulla facile, per registrare un disco in questa modalità (live) ci vorrebbe più tempo o semplicemente più esperienza!

Domani pomeriggio andremo dal grafico-fotografo per una sessione di foto e per discutere della copertina del disco.

Good night guys!

terzo giorno di registrazione

Registrato ben quattro brani oggi! E' stata una giornata strana. Ho avuto un momento di vera crisi…è successo qualcosa di difficile da razionalizzare e spiegare… Sandor dice che sono molti i condizionamenti e le interferenze esterne a cui siamo sottoposti e a volte può succedere di non riuscire a connettersi con chi ci sta vicino, con il mondo. La sensibilità in questo caso rischia di favorire tali interferenze con il risultato che inspiegabilmente qualcosa non va… Abbiamo speso molte energie e tempo per capire come risolvere la questione, mi tremavano le mani dalla stanchezza.  Ho dovuto lavorare molto sulle mie tensioni e accettare che sbagliare è umano: "it's organic", dice Sandor! Abbiamo dato.

Mentre scrivo Andrea è seduto davanti a me, rapito da Sandor che sta suonando improvvisando, my God come improvvisa!!!! Non ha uno stile identificabile con un genere musicale preciso: non è jazz,  non è metal, non è classical music, non è folk music non è indian music…è Musica. Abbiamo parlato a lungo di scale, campi magnetici, simmetria, assimetria, natura, libri… E' una persona molto spirituale, è in linea con noi, "he' s our man"!

Sandor continua a suonare….

Buona notte.

secondo giorno di registrazione

Abbiamo appena finito di lavorare in studio. Oggi è stato più faticoso di ieri, abbiamo dovuto ripetere molte volte i brani per trovare la giusta sintonia e concentrazione, alla fine siamo riusciti a registrarne anche oggi tre! Sandor mi ha aiutata molto insegnandomi degli esercizi per attivare le energie, durante una sessione di registrazione di un mio solo, con la semplicità di chi conosce la materia, mi ha ricordato che non serve essere diversi da quello che si è per essere migliori. Grande verità.

Ora ci rilassiamo,  abbiamo scoperto che Peter abitava proprio nell’appartamento dove viviamo noi ora! infatti il mio asciugamano ha un P stampata sul davanti 🙂

primo giorno di registrazione

Felicità, è la parola con cui voglio aprire questo mio post.

Sandor è l'ingegnere del suono che Peter Finger ha scelto per registrarci. Arriva dall'Ungheria, è una persona speciale. Da subito ci ha dato l'impressione di essere molto sensibile e aperto, è riuscito a catturare il nostro sound con estrema professionalità e facilità, il suo sicuro ma dolce modo di comunicare mi ha fatta sentire a casa, a casa mia, quella che ho dentro di me. Abbiamo lavorato sodo e con grande concentrazione,  ed è essenziale in quanto registriamo live nella stessa stanza quindi se uno dei due sbaglia si deve ripetere tutto da capo… Sandor vuole che da noi esca musica viva! no macchine, no finzione. Sono d'accordo.

Non vorrei essere in nessun altro posto se non qui in questo momento! La musica sembra uscire dalle corde di Andrea e dalla mia bocca come se fosse sempre stata li, sul punto di sbocciare al sole… Sandor è piacevolmente toccato dalla nostra musica, la trova profonda e originale, ci incoraggia e valorizza ogni istante.

"La musica quando è pura espressione di ciò che sentiamo, è come una foresta, non c'è un albero che si possa definire più bello degli altri, la natura è tutta bella…".

Al temine della lunga giornata in studio, abbiamo cenato assieme (ho cucinato vegan per tutti e tre :)). Prima di andare a dormire, Sandor ha voluto donarci la sua performance alla chitarra: "hungarian rhapsody ", una serie di brani ungheresi eseguiti tutti di seguito, uno spettacolo!